Settembre 2019 Incontro con l’autore: Dacia Maraini incontra la Scuola “Zarfati-Carciano”. torna indietro
24/09/2019
Settembre 2019 Incontro con l’autore: Dacia Maraini incontra la Scuola “Zarfati-Carciano”.
Lei ha 83 anni ma non  si direbbe: camminata veloce e sicura sulla guida rossa che l’attendeva, uno  sguardo chiaro e così  profondo  che colpisce e  rapisce.
Si parla della famosa autrice Daria Maraini che nella soleggiata mattinata di venerdì 20 Settembre, ha fatto il suo  ingresso trionfale  nella Scuola “Zarfati-Carciano” addobbata come nelle migliori occasioni ed accolta con un festoso  calore umano da insegnanti, alunni e rappresentanti dei genitori, in un’ora in  cui emozione e curiosità si sono  calorosamente  unite per poi gioiosamente confondersi .
Dacia Maraini che era accompagnata da Eugenio Murriali con il quale ha scritto a due mani il testo per ragazzi “Onda Marina e il drago Spento” e sul quale gli alunni di questa scuola lavoreranno in aula  nei prossimi mesi, è  stata sicuramente l’autrice più importante che ha visitato questo plesso finora e l’emozione provata nell’incontrarla è stata pari a quanto da lei finora scritto e notissimo al grande pubblico dei lettori. Scrittrice, drammaturgo, saggista e poetessa, Dacia Maraini nella nostra Letteratura italiana  non ha  certo bisogno di presentazioni, lei che rappresenta uno dei tasselli più in vista e noti della cultura del nostro Paese.
Venerdì 20, il  suo nome è stato così scandito a gran voce dagli emozionati alunni  alla sua entrata nel plesso “Zarfati-Carciano” insieme  al suo coautore Eugenio Murrali ricevendo gli affettuosi  applausi di tutti i partecipanti all’evento sulle note del  motivo musicale “Un topo con gli occhiali”, leitmotiv delle molte e grandi occasioni sempre   legate al libro e  già vissute da questa scuola e relative al Progetto “Un libro per amico” . Da  anni infatti la Scuola “Zarfati-Carciano” porta avanti  con successo l’iniziativa di sensibilizzazione alla lettura in collaborazione con  la libreria Mondadori nella persona della sig.a Aurora De Marzi  presente all’evento   insieme alla Prof.ssa Patrizia Audino che  lo  scorso anno ha curato con successo  il laboratorio di “Lettura animata” nel plesso. Sempre graditissima  poi è stata poi la presenza del noto giornalista Rocco Della Corte  che non è nuovo nel partecipare e nello scrivere sulle  varie iniziative del plesso sulla pagina del sito web  per cui lavora.
Dacia Maraini  è stata accolta insieme al suo coautore Eugenio Murrali  dalle festose note di benvenuto degli alunni ed insegnanti, ha poi ricevuto   il saluto della referente di plesso ins. Francesca Nocca a nome del nuovo Dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “G: Felci” Dott.ssa Margherita Attanasio . L’autrice si è poi presentata  agli alunni che già nei giorni precedenti avevano svolto in aula  dei lavori su di lei e le sue opere  in vista di questo atteso incontro, raccontando di sé e della propria vita con un parlare  diretto, semplice e chiaro mentre i suoi occhi vivaci e trasparenti, hanno regalato uno sguardo curioso e benevolo per tutti . Una vita pienissima la sua, intensamente vissuta non solo in Italia  ma  anche ben oltre i  nostri confini  e che l’hanno condotta a fare molteplici e particolari  esperienze di vita personali e   culturali,  poi trasferite in parole  e nella profondità dei temi  nei suoi libri di   racconti, saggi e poesie che l’hanno resa una delle personalità più amate della nostra Letteratura e la scrittrice di fama internazionale e che tutti conosciamo ed apprezziamo.
Gli alunni del plesso hanno poi rivolto delle domande alla Maraini e ad Eugenio Murrali.
Sì è parlato dei suoi innumerevoli viaggi  e di ciò che di bello ed intensamente  vissuto ha  respirato delle popolazioni che  aveva conosciuto, delle emozioni provate e che sono state trasformate in testi letterari ed in versi, in veri e propri saggi, spiegando agli alunni di non prediligere nessuno dei suoi tre ruoli, scrittrice, poetessa e saggista. La curiosità dei bambini ai quali è stato già presentato il suo testo su cui lavoreranno didatticamente per tutto l’anno scolastico  “Onda Marina e il Drago Spento” (testo scritto a due mani e la cui stesura è durata due anni), è stata quella di sapere se si scriva prima il testo e poi si dia un titolo a quanto scritto: la Maraini e Murriali hanno risposto che è sempre il testo, la cosa che si scrive per prima  e come stia sempre più a cuore il libro che si scrive per ultimo .
Un momento particolarmente toccante è stato quando dalle domande degli alunni, sono venute alla luce delle tematiche molto profonde e scottanti, di ordine quotidiano  come il bullismo e quello dell’emarginazione sociale. Il ricordo  lontano ma sempre vivo  e nel cuore come quello  degli anni che la Maraini trascorse nel campo di concentramento in Giappone ed il tema attualissimo della violenza sulle donne, argomenti sui quali la scrittrice ha detto tanto e di più nei suoi  articoli, libri e saggi.
Entrambi gli autori hanno risposto  alle domande poste dagli alunni iniziando dal tema del bullismo.
 Murrali ha raccontato di quando piccolissimo lo ha vissuto  da bambino quando veniva fatto segno dai suoi compagni di classe perché il più piccolo in altezza mentre  e  la Maraini ha parlato  di quella  prevaricazione e cruda  violenza  che visse da bambina nel campo di concentramento in Giappone durante la Seconda Guerra mondiale. Un’esperienza di vita che l’ha segnata profondamente quando piccolissima  lì patì la fame più vera, riducendosi a mangiare formiche e ratti per riuscire a sopravvivere alla durezza del lager nipponico.
Parole di vita vissuta  che hanno come fermato il tempo di questo incontro quando  a ciò che è stato precedentemente detto, si è parlato del  tema scottante e purtroppo quotidiano della violenza sulle donne  sul quale la Maraini ha parlato a lungo e con fermezza affermando che chi subisce deve far sentire la sua voce denunciando, sempre e comunque. Ed anche quando può capitare che le prove a favore della parte offesa  e lesa non vengano considerate o falsificate, andare sempre  avanti  con tanto  coraggio perché non si può tacere davanti ad un abominio simile che offende la profondità dell’animo di una donna non solo in quel momento ma per sempre .
Parlando poi  con un sorriso della sua ultima fatica letteraria insieme al collega Murrali e dedicata alla Letteratura infantile “Onda Marina e il drago Spento” sul tema della pace tra i popoli, la Maraini ha sottolineato come si possa imparare tanto  dal racconto fiabesco nei suoi simbolismi profondi e solo apparentemente misteriosi e che la pace sia una realtà non solo tra le pagine di un libro.
Dacia Maraini, una gran bella persona ed un’eminenza culturale e  letteraria  di prim’ordine che la Scuola “Zarfati-Carciano” ha avuto l’onore ed il pregio  di ospitare e che  dà il giusto avvio al suo anno scolastico anche perché  il suo è solo un arrivederci per insegnanti ed alunni.
Ci sarà infatti un secondo incontro con lei a conclusione del Progetto “Un libro per amico” alla fine dell’anno scolastico.
Le insegnanti del plesso ringraziano ancora una volta  e con sincero  affetto la sig. a Aurora De Marzi  della Libreria Mondadori per la personale   disponibilità con  cui continua  a seguire i nostri eventi insieme alla Prof. Patrizia Audino, l’Associazione Enogastronomica “Amici di Ratatouille” per la  fattiva collaborazione di sempre e Minigarden di Via delle   Mura per  lo splendido allestimento floreale  dell’evento.
  
Gallery Fotografica
Torna su